Un’arca di vetro sull’isola di San Giorgio

Uno zoo di vetro – e non centra Tennessee Williams. Sono scimmie, cani, giraffe, gatti, oche, pesci, farfalle: un universo zoomorfo realizzato in vetro di Murano e collezionato pazientemente nel corso di 30 anni da Pierre Rosenberg, famoso direttore del Museo del Louvre di Parigi, uno dei maggiori storici dell’arte del nostro tempo, membro dell’Académie française.

Il collezionista

Nella sua lunga e brillante carriera lo studioso di fama internazionale ha raccolto una straordinaria collezione di dipinti e disegni del Seicento francese, oltre che migliaia di libri e documenti che lo hanno accompagnato nel percorso lavorativo. Ma la passione del collezionista lo ha portato anche a realizzare un’altra raccolta, molto più personale, che lo lega a doppio filo a Venezia.

Una raccolta ironica e privata, fatta per amore e per “divertissement”, pezzo dopo pezzo: quella di animali di vetro di Murano. Una collezione immensa, che conta oltre 2000 pezzi distribuiti tra l’abitazione parigina e quella veneziana del professore che finalmente si è lasciato convincere a presentarne al pubblico una selezione di 750 pezzi, allestita in maniera giocosa e divertente alle Stanze del Vetro, sull’isola di San Giorgio a Venezia.

Per i bambini

“L’Arca di vetro. La collezione di animali di Pierre Rosenberg” è una mostra tutta da gustare, ideata prima di tutto per i bambini, ma anche per i grandi che li accompagnano, in uno scenografico allestimento di Denise Carnini e Francesca Pedrotti che hanno trasformato le Stanze del Vetro in tanti scenari adatti ad ospitare, vetrina dopo vetrina, gli animali della giungla, quelli della fattoria, della savana, della palude, gli animali marini e quelli domestici, del bosco e dei poli. In sottofondo i rumori degli ambienti reali e i versi degli animali veri: un’esperienza ludica e immersiva completata anche da una fiaba animata realizzata da Giulia Savorani e proiettata in mostra.

Non è stata un’impresa facile per le curatrici Giordana Naccari e Cristina Beltrami convincere Pierre Rosenberg a realizzare questa esposizione: gli animali di vetro della sua collezione non erano mai usciti dalle mura domestiche ma oggi, a chi gli chiede quale sarà il loro destino in futuro, il professore sorride e risponde: “Chissà… sarebbe bello che una parte rimanesse a Venezia”.

Source link

Posted on

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *